mercoledì, gennaio 30, 2008

Ape with tools

Ape with tools

Sono una povera scimmietta scesa da poco dal suo felice alberello e mi ritrovo in uno strano mondo.
Dove invece di far crescere si preferisce indottrinare.
Dove si vuole imporre una non scelta e gabellartela per libertà.
Dove vecchi dogmi consunti valgono più della ricerca.

Ma per quale motivo ciò mi "infastidisce", no! Il termine giusto è scandalizza.

Sono tranquillo nel mio giardino.

Eppure, sfogliando libri ho letto... in parole migliori delle mie.

O how much more doth beauty beateous seem,
By that sweet ornament which truth doth give!
...

Oh come appare più bella la bellezza quando
La verità le dona il suo dolce ornamento!

...

Peso
Quel contadino soldato
si affida alla medaglia
di Sant'Antonio
che porta al collo
e va leggero
ma ben sola e ben nuda
senza miraggio
porto la mia anima.


65. E' una cosa stolta supplicare gli dei per ottenere ciò che uno è in condizione di procurarsi da se stesso.


Trovo coraggio, bellezza ed ironia in tanti di noi, dovremmo ritrovarci nello stesso giardino a passeggiare.

True Colors

domenica, gennaio 27, 2008

Le Ore

Vigilia, Prima preghiera 2.00
Laudi, Seconda preghiera 4.00
Prima, Prima ora del giorno 6.00
Terza, 9.00
Sesta, Officio della sesta ora 12.00
Nona, Officio della nona ora 15.00
Vespro, Officio della sera 18.00
Compieta, 21.00

sabato, gennaio 26, 2008

giovedì, gennaio 24, 2008

Birra e affini

A volte trovo utile usare droghe legali..

Una birra magari un poco robusta, serve ad oliare le mie rotelle arrugginite, a sciogliere dolcemente gli spigoli dell'anima.
Stasera il mondo mi gira intorno, lo sento ronzare, mi cola dalle fessure delle finestre. Filtra come una luce lontana ma vivida in una grotta.
Non so se ho voglia di aprire gli occhi, di rischiare di mettermi in gioco. Allo stesso tempo tentazione e ripulsa, è già tanto difficile vivere nel mio giardino.

Citazione

“Ciò che è affermato senza prova, può essere negato senza prova” (Euclide)

martedì, gennaio 15, 2008

Trasparenze

Il Papa

Il Papa non parlerà alla Sapienza, meglio per lui...
quia scriptum est: In multiloquio non effugies peccatum.

Una buona occasione per starsene zitto...ma non so se la coglierà.

Regola di S. Benedetto Capitolo XL - La misura del vino

Capitolo XL - La misura del vino

1. "Ciascuno ha da Dio il proprio dono, chi in un modo, chi in un altro"

2. ed è questo il motivo per cui fissiamo la quantità del vitto altrui con una certa perplessità.
3. Tuttavia, tenendo conto della cagionevole costituzione dei più gracili, crediamo che a tutti possa bastare un quarto di vino a testa.
4. Quanto ai fratelli che hanno ricevuto da Dio la forza di astenersene completamente, sappiano che ne riceveranno una particolare ricompensa.
5. Se però le esigenze locali o il lavoro o la calura estiva richiedessero una maggiore quantità, sia in facoltà del superiore concederla, badando sempre a evitare la sazietà e ancor più l'ubriachezza.
6. Per quanto si legga che il vino non è fatto per i monaci, siccome oggi non è facile convincerli di questo, mettiamoci almeno d'accordo sulla necessità di non bere fino alla sazietà, ma più moderatamente,
7. perché "il vino fa apostatare i saggi".
8. I monaci poi che risiedono in località nelle quali è impossibile procurarsi la suddetta misura, ma se ne trova solo una quantità molto minore o addirittura nulla, benedicano Dio e non mormorino:
9. è questo soprattutto che mi preme di raccomandare, che si guardino dalla mormorazione.

Ma in Latino è più chiaro.....

XL - De mensura potus

1. Unusquisque proprium habet donum ex Deo, alius sic, alius vero sic;
2. et ideo cum aliqua scrupulositate a nobis mensura victus aliorum constituitur.
3. Tamen infirmorum contuentes imbecillitatem, credimus heminam vini per singulos sufficere per diem.
4. Quibus autem donat Deus tolerantiam abstinentiae, propriam se habituros mercedem sciant.
5. Quod si aut loci necessitas vel labor aut ardor aestatis amplius poposcerit, in arbitrio prioris consistat, considerans in omnibus ne surrepat satietas aut ebrietas.
6. Licet legamus vinum omnino monachorum non esse, sed quia nostris temporibus id monachis persuaderi non potest, saltem vel hoc consentiamus ut non usque ad satietatem bibamus, sed parcius,
7. quia vinum apostatare facit etiam sapientes.
8. Ubi autem necessitas loci exposcit ut nec suprascripta mensura inveniri possit, sed multo minus aut ex toto nihil, benedicant Deum qui ibi habitant et non murmurent.
9. Hoc ante omnia admonentes ut absque murmurationibus sint.


Un esempio di come San Benedetto conoscesse i sui polli....
Per la quantità definita da un'emina, dovremmo telefonare a San Benedetto.
Con quel nome fra l'altro usato in seguito per gli aridi come grano o legumi, le variazioni sono notevoli.
E del resto è risaputo che la libbra Benedettina era di "Buon Peso" quindi....
Comunque in epoca romana era approssimativamente un quarto di litro.

Ho dimenticato di linkare la mia fonte....provvedo subito.

www.ora-et-labora.net

venerdì, gennaio 04, 2008

Moby Dick

Call me Ishmael. Some years ago -- never mind how long precisely -- having little or no money in my purse, and nothing particular to interest me on shore, I thought I would sail about a little and see the watery part of the world. It is a way I have of driving off the spleen, and regulating the circulation.